martedì 25 ottobre 2011

Spinning yarns....*

Italian is a beautiful language... melodic, rich in syntax, elegant. But don't you
just love English for its plethora of idioms... and don't you just love a good "yarn"??


Last week Deborah Gray and I embarked on a spinning expedition. It started with me and my son picking her up at the Pisa airport! I brought my son this time because last April I couldn't find the entrance to the highway on the return trip and we ended up driving the foothills of the Tuscan-Emilia Apennines on narrow, winding roads on a pitch black night! Well, my son found the highway all right.. but headed for Livorno and not Genova, to then continue on to Lucca... and so, once again I took Deborah on an adventure! What should have been a 30 minute ride, turned into a 60 minute Odyssey! When we finally arrived in Lucca, we had a nice dinner as the trattoria was closing.. and talked about our upcoming workshops.
This was the second round of workshops I have organised in Italy for Deborah and, with no credit to myself, I must say they were as successful as the last ones in April! I must admit that for the Sardinia workshops Cristina did most of the work!

The first two workshops were held at the beautiful Palazzo Mansi (although my husband's last name is Mansi I must report that we are not related to the late owners of this elegant palazzo in the centre of Lucca!). Palazzo Mansi hosts the Niemack Weaving Laboratory - a magical maze of rooms filled with antique looms, yarn, silk, skein winders, warping boards, beautiful music wafting through the air and the sound of the looms in action.
Saturday's workshop was all about preparing the fiber - carding, combing, blending - and spindle spinning. Sunday was dedicated to more advanced techniques - Navajo plying, spinning wheel techniques, trouble shooting.
The workshops were also an opportunity to meet with friends made in April at the first Lucca workshop... and not only woolen and worsted yarns were spun! We also spent time talking about our spinning experiences in these last 6 or so months, we talked about our children, our lives, our spinning and more!

The second set of workshops was held on the beautiful island of Sardinia! I had never been to Sardinia, although it was on my list of "to dos"! And now, I know I must return!
Deborah and I left from the Pisa airport - no wrong turns this time - and arrived in Cagliari on Tuesday evening. Cristina and her charming boyfriend, Simone, met us at the airport. This was just a first taste of the famous Sardinian hospitality! They took us to San Sperate, where we had rooms in a rustic "casa campidanese", a sort of hacienda built around a center courtyard. After we had left our suitcases in our rooms seen the room we would be using for the workshop, Deborah and I went out for pizza and then off to bed because Cristina had planned a day of sight-seeing in Cagliari for us the next day!
http://it.wikipedia.org/wiki/Poetto

Wednesday was a full day of sightseeing in the various quarters of the city and since it was such a lovely, warm day we decided to end it with a walk on the beach, called "Poetto".

But the best was yet to come!
On Thursday Cristina and Simone picked us up at about 9am and took us to Barumini to see the largest "nuraghe" on the island.


The nuraghi are a type of megalithic structures dating back to the Bronze Age. I encourage you to do some research on them, if you have never heard of them. You will find it fascinating reading!





Friday was dedicated to preparing all of the materials for our workshops. The stars of the workshop were two, beautiful Shetland fleeces chosen personally by Deborah for our workshop during her visit to the Shetland islands in July.

The reddish brown one is a Moorit fleece, and the soft gray one is a Shaela fleece.
Saturday was dedicated to learning how to divide the fleece into the various "grades" .. 1st, 2nd and 3rd grades in our case. Then we worked with the raw fleece: carding, combing, blending.
Luncheon was provided by the women participating in the workshop: everyone had brought something from home. Bread, salami, Sardinina pecorino cheese (how appropriate!), sandwiches and more!

What impressed me most about the women of Sardinia is their camaraderie. I have never before seen such solidarity among women. No petty jealousy, no envy. Everyone was ready to help each other. The most amazing thing was the fact that most of us had never met before that morning!
I must say that by the end of the day Deborah and I were tired but pleased with the results of the day!

But we had one more surprise! Cristina and Simone picked us up and took us to Cagliari to a charming vegetarian restaurant. Dinner was served buffet style and I must say that the table was laden with delicious vegetable dishes. I particularly enjoyed the hummus with batter dipped and fried vegetable "chips"!

Finally, on Sunday, out came the spindles that Deborah had had specially made by a friend of hers for us. This gentleman, by the name of Murray, is a retired Rolls Royce engineer.. and so you might say that we had the Rolls Royce of spindles at our workshop! Soon everyone was happily spinning the wool they had prepared the day before. Some chose to blend it with silk or other fibers and by the end of the day, each had their precious first skein of hand spun yarn!
Below are just some of our spinners with their yarns!


Lilly, can you tell she is an artist?
Anna, her enthusiasm was catchy!
 Simona and Pietrina, two "wool" artists in their own right! Simona works with felting and creates beautiful silk chiffon and felted wool scarves. Pietrina felts, but she also weaves and dyes!
You can see some of their creations here.
 Paola - who brought some delicious homemade bread baked the very morning of the workshop and a sweet called "Mostaccioli di Oristano"
The courageous Matteo! Imagine being the only man in a room full of female "yarnies" ... spinning wool and "spinning yarns"!!
Donatella, her smile says it all!
 One last chapter on my spinning experience in Sardinia. Anna brought some Sardinian wool for us to see, and I could not resist spinning a bit!
Let me conclude this long "yarn" with a note on San Sperate - the Museum city.
Since 1968, artists from all over the world have been painting murals on the walls of this small town. On my last day in Sardinia, after Deborah had left for the airport, I had a few hours until it was my turn to say "arrivederci" to this enchanting Island. I decided to follow the colored streets of San Sperate (yes the streets are actually painted different colors) on a tour of the murals and artwork on public display in this charming town. Below are some of the ones I photographed
.



(for my Urbino friends!)


selling tomatoes... for real!


selling pomegranates (for real!)


one of my favorites!
 some of Pietrina's and Simona's felting

 A "natural" mural.. couldn't resist this shot
more felted planters














*traduzione in italiano a seguire, ringrazio Cristina Murru per la bellissima traduzione!



Filati a mano..

L’italiano è una bellissima lingua: musicale, dalla sintassi elaborata, elegante.
Ma non amate l’inglese proprio per la sua sovrabbondanza di espressioni idiomatiche? E non ti piace tessere “a good yarn”? (tessere un bel racconto).
La settimana scorsa Deborah Gray ed io ci siamo imbarcate in una nuova spedizione di filatura, iniziata con me e mio figlio diretti a prendere Deborah all’aeroporto di Pisa!
Questa volta ho portato mio figlio con me perché lo scorso Aprile non sono riuscita a trovare l’ingresso per l’autostrada al rientro, e ci siamo ritrovate a percorrere la pedemontana degli appennini Tosco-Emiliani con  strettoie, strade tortuose in una notte nera come la pece!
Bene…mio figlio questa volta ha trovato l’autostrada giusta, ma ha preso la direzione  per Livorno e non per Genova, per proseguire poi verso Lucca…e così ancora una volta ho coinvolto Deborah in un’avventura!
Quel che sarebbe dovuto essere un viaggio di trenta minuti si è trasformato in un’odissea di sessanta!
Finalmente arrivate a Lucca abbiamo cenato  mentre la trattoria chiudeva e abbiamo nel frattempo parlato dei nostri imminenti corsi.
Questo è il secondo ciclo di corsi che ho organizzato per Deborah qui in Italia e devo ammettere non per vantarmi, che hanno avuto  uguale successo agli ultimi svoltisi ad Aprile! Per la Sardegna invece è stata Cristina a fare la maggior parte del lavoro!
I primi due corsi si sono tenuti nel bellissimo Palazzo Mansi (sebbene il cognome di mio marito sia Mansi sottolineo che non c’è nessuna correlazione con gli ultimi proprietari di questo elegante palazzo situato al centro di Lucca!).
Palazzo Mansi ospita il laboratorio di tessitura Niemack, un magico labirinto di stanze, colme di antichi tappeti, filati, sete, aspi, tavole per l’orditura; una bellissima musica si diffonde nell’aria con il suono dei telai all’opera.
Il corso di sabato ha trattato tutto ciò che riguarda la preparazione delle fibre: cardatura, pettinatura, mescolanza fra fibre e filatura con il fuso.
La domenica invece è stata dedicata a tecniche più avanzate come la binatura Navaho, tecniche di filatura con il filatoio, risoluzione dei problemi.
I corsi sono stati anche un’occasione per incontrare nuovamente le amiche conosciute ad Aprile al primo corso a Lucca..e così non abbiamo filato  soltanto “worsted” o “woolen”, ma abbiamo trascorso il tempo anche parlando delle nostre esperienze di filatura degli ultimi sei mesi, dei figli, delle nostre vite, i nostri filati e tanto altro ancora..
Il secondo corso invece si è tenuto nella bellissima isola di Sardegna!
Non ero mai stata prima in Sardegna, nonostante fosse già nella mia lista di “cose da fare”! ora…so che devo assolutamente tornare!
Deborah ed io siamo partite dall’aeroporto di Pisa – nessun errore di percorso questa volta- e siamo arrivate a Cagliari il martedì sera.
Cristina e il suo adorabile fidanzato Simone sono venuti ad accoglierci all’aeroporto!
Questo era solo un assaggio della famosa ospitalità sarda!
Ci hanno quindi accompagnate a S. Sperate, dove avevamo prenotato le nostre stanze in una rustica “casa campidanese”, una sorta di “hacienda” che si sviluppa intorno al cortile centrale.
Dopo che abbiamo depositato i nostri bagagli nelle camere e visionato la sala dove si sarebbe svolto il corso, Deborah ed io siamo uscite a mangiare una pizza e poi subito a letto, perché Cristina aveva organizzato per noi un visita turistica a Cagliari per il giorno dopo!

Mercoledì è stata un’intensa giornata di visita turistica  ai vari quartieri della città, e poiché il tempo era bello e faceva caldo, abbiamo deciso di terminare con una passeggiata sulla spiaggia chiamata “Poetto”.

Ma il meglio doveva ancora arrivare! Giovedì Cristina e Simone sono venuti a prenderci verso le nove di mattina e ci hanno portate a Barumini, a vedere il più grande nuraghe dell’isola.

I nuraghi sono una tipologia di costruzioni megalitiche risalenti all’Era del Bronzo. Vi suggerisco di fare una ricerca in proposito, se non ne avete mai sentito parlare! Leggendo rimarrete affascinati!

Venerdì è stato dedicato alla preparazione di tutti i materiali per il nostro corso. Le “star” del corso erano due, bellissimi velli Shetland scelti personalmente da Deborah per i nostri corsi durante la sua visita alle isole Shetland lo scorso luglio.
Quello marrone-rossiccio è un vello “Moorit”, mentre il grigio chiaro è chiamato “Shaela”.
Il sabato è stato dedicato ad imparare come dividere il vello in varie tipologie : la prima, la seconda, la terza nel nostro caso. Quindi abbiamo lavorato con il vello crudo, cardatura, pettinatura mescolanza fra fibre.
Al pranzo hanno provveduto le donne partecipanti al corso: ciascuna ha portato qualcosa da casa. Pane, salami, formaggio sardo pecorino (quanto mai opportuno!), tramezzini e tanto altro.
Ciò che più mi è rimasto impresso delle donne sarde è stato il cameratismo.
Non avevo mai visto prima tanta solidarietà fra donne: niente gelosie meschine, nessuna invidia. Tutte erano pronte ad aiutarsi a vicenda.
La cosa più sorprendente era che di fatto la maggior parte di noi non si era mai incontrata prima di quella mattina!
Devo dire che a fine giornata io e Deborah eravamo stanche, ma felici dei risultati della giornata!

Ma c’era ancora una sorpresa per noi. Cristina e Simone ci hanno portate a Cagliari in un incantevole ristorante vegetariano. La cena era a buffet, e devo dire che la tavola era imbandita di deliziose pietanze vegetariane. Ho apprezzato particolarmente l’hummus con la frittura di verdure in pastella!

Per finire, la domenica ecco apparire i fusi che Deborah ha fatto realizzare appositamente per noi da un suo amico. Questo gentiluomo di nome Murray è un ingegnere della Rolls Royce  in pensione.. e così abbiamo potuto dire di avere le Rolls Royce dei fusi, al nostro corso!
In breve tempo tutti hanno iniziato felici a filare la lana preparata il giorno prima. Qualcuno ha deciso di combinare la seta con altre fibre e alla fine della giornata tutti avevano la loro preziosa matassa di lana filata a mano!
Qui sotto ecco alcune delle nostre filatrici con i loro filati!
 (didascalie delle foto)
-         Lilly, la direste un’artista, vero?
-         Anna, il suo entusiasmo era accattivante!
-         Simona e Pietrina, le due artiste della lana nel loro ambiente naturale! Simona lavora con il feltro e crea bellissime stole di seta e chiffon e sciarpe di feltro; Pietrina si occupa anche lei di feltro e inoltre tesse e tinge tessuti! Potete vedere qui alcuni dei loro lavori.
-         Paola, che ha portato del pane fatto a mano la mattina prestissimo il giorno stesso del corso e dei dolci chiamati “mostaccioli di Oristano”.
-         Il coraggioso Matteo! Immaginate l’unico uomo in tutta una sala di filatrici donne che filavano lana e tessevano racconti!
-         Donatella, il suo sorriso dice tutto!
-         L’ultimo capitolo della mia esperienza di filatura in Sardegna: Anna ci ha portato un po’ di lana sarda da mostrarci…e non sono riuscita a resistere, ho dovuto filarne un po’!

Lasciatemi concludere questo lungo “filato” con una nota su  S.Sperate, paese museo.
Sin dal 1968 artisti provenienti da tutte le parti del mondo hanno dipinto murales nei muri di questo piccolo paese.
Nel mio ultimo giorno di permanenza, dopo che ho lasciato Deborah diretta all’aeroporto, ho avuto a disposizione ancora qualche ora prima che fosse il mio turno di dire “arrivederci” a questa splendida isola. Così ho deciso di seguire le strade colorate del paese (sì, le strade sono davvero dipinte in colori diversi) per dedicarmi a un giro fra i murales e le opere d’arte esposte pubblicamente in questa affascinante città! Ecco qui sotto  qualche fotografia che ho scattato:

Didascalie delle foto di San Sperate
-         Per i miei amici di Urbino!
-         Si vendono pomodori (veramente!)
-         Si vendono melagrane (per davvero!)
-         Una delle mie preferite!
-         Alcune realizzazioni in feltro di Simona e Pietrina
-         Un murales “naturale”, non ho potuto perderlo!
-         Ancora piante nel feltro 


Nessun commento: