mercoledì 16 marzo 2011

Experimenting with color work

Although I have been knitting for most of my life, I have really never attempted color  work, apart from stripes or cuffs, waistbands and collars in a contrasting color.
My daughter has a penchant for a Tumbling Blocks afghan which is knit using the intarsia technique.


I have been experimenting with intarsia and made up a swatch that seems half way decent - so I may just start that afghan for her!
Then while leafing though some old knitting magazines (1950s) I came across some interesting color work patterns and decided to try my hand. This pattern has no name, but it is interesting. It creates little poufs in contrasting colors in a sort of honeycomb pattern. The working of the stitch is quite involved. It is worked on a base of a multiple of 4 stitches + 3 and every 3 stitches you slip one from the needle, allow it to unravel (scary!) four rows, then pick up the remaining stitch, put the needle under the 4 horizontal bars of the unraveled stitches, wrap the yarn around the needle and pull the wrap plus the 4 bars through the stitch, then repeat to the end of the row. It is complicated, but the results are beautiful! Will keep you posted on the Tumbling blocks idea!



Anche se lavoro ai ferri praticamente da quando sono nata, non ho mai tentato di lavorare con più colori a parte i polsi e il collo in un colore contrastante o forse un lavoro a righe.
Ma ultimamente mia figlia mi ha chiesto se potevo farle un Tumbling blocks afghan, che vuol dire lavorare con la tecnica dell'intarsia. Ho sperimentato con l'intarsia e ho fatto un campioncino che è venuto non male, quindi potrei decidere di iniziare il Tumbling Blocks!

Poi, mentre sfogliavo delle vecchie riviste della nonna (anni cinquanta), ho trovate dei motivi a diversi colori interessante e ho deciso di provare a farne qualcuno. Quello nella foto non ha un nome ma è molto interessante. Crea dei piccoli "pouf" in colori contrastanti in una sorta di motivo a nido d'api. Lavorare questo motivo è abbastanza complicato. Si lavora su un multiplo di 4 maglie + 3 e ogni 3 maglie devi lasciare cadere una e disfarlo per 4 giri, poi riprendi la maglia rimasta con il ferro destro e passi il ferro sotto le barre in orizzontali formato dai fili della maglia disfatta, getta il filo sul ferro e tira il filo gettato + i quattro fili orizzontali facendo una nuova maglia (si capisce? non credo!) e si ripete così fino alla fine del girl. E' complicato ma il risultato ne vale la pena!

Vi tengo aggiornato sull'idea dei Tumbling blocks!

1 commento:

knitting bear ha detto...

Accipicchia che lavoro! Però l'effetto è davvero interessante, magari per bordi decorativi.